Get Adobe Flash player
LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
SERVIZIO CORTESIA ATTIVO DALLE 8:00 ALLE 21:00
TAROCCHI AMORE
OracoloAffinità
TheSpider.it - web directory italiana

Storia Dell’Astrologia

cose-lastrologiaL’Astrologia è la scienza che studia i fenomeni celesti in relazione alle influenze sulla vita nella Terra, e in particolare nella vita dell’Uomo.Etimologicamente la parola tradotta dal greco significa la scienza che studia gli astri.
Questo tipo di Astrologia comincia ad esistere in Babilonia tra il VII e il VI sec.a.C. e poi piano piano si diffonde da Babilonia fino in India passando per l’Egitto, la Grecia, l’Asia Minore e l’Iran.Per comprendere come una certa continuità sia stata sempre presente, in quella che si rivela una tradizione estremamente arcaica che già prima della fine del mondo antico vive innumerevoli variazioni e influssi culturali differenti (l’astrologia conosciuta nella Roma augustea era, ovviamente, qualcosa di differente da quella in auge due millenni prima nella Babilonia di Hammurabi), si può partire dall’analisi di un concetto fondamentale di questa disciplina sapienziale, che nel mondo antico fu, in linea generale, di importanza fondamentale.Essi infatti si accorsero che dagli astri emanavano forze misteriose capaci di influenzare la natura (le stagioni, le maree, ecc.). A mano a mano che le osservazioni si facevano più precise gli studiosi notarono che, oltre alle diminuzioni di luce e di calore, nelle varie epoche dell’anno il movimento degli astri preannunciava il periodico ritorno di fenomeni straordinari quali le eclissi e le comete. Da queste osservazioni nacquero le prime basi dell’astronomia e nacque anche nell’uomo l’idea che il movimento delle stelle non si riflettesse soltanto sui fenomeni della natura ma anche sui destini umani. In passato gli uomini hanno sempre cercato di interrogare le stelle , in India gli osservatori del cielo si limitavano a osservare la volta celeste cercado di spiegarsi le relazioni fra essi e l’uomo , questo tipo di Astrologia si chiamava “gochara” in sanscrito significa “tutto ciò che cade sotto i sensi”. Questa idea rispecchia la natura dell’uomo, sempre alla ricerca dello inesplicabile e il desiderio, manifesto o nascosto, di ciascun essere di sapere ciò che gli accadrà domani.